CardiologiaNews.net


News

Strategie di rivascolarizzazione nei pazienti con diabete mellito: bypass coronarico versus intervento coronarico percutaneo

E’ stata confrontata la sicurezza e l’efficacia della procedura PCI ( intervento coronarico percutaneo ) con impianto di stent e il bypass coronarico nei pazienti con diabete mellito e malattia coronarica multivasale sintomatica.

Il bypass coronarico è il metodo standard per la rivascolarizzazione nei pazienti con diabete e coronaropatia multivasale, ma con i progressi nell'intervento coronarico percutaneo, non è chiaro se il bypass resta la migliore procedura di rivascolarizzazione.

L'esito primario era un composito di mortalità per tutte le cause, infarto del miocardio e ictus; l'esito secondario principale includeva l'aggiunta di ripetuta rivascolarizzazione agli eventi di esito primario.

In totale, 510 pazienti diabetici con malattia coronarica multivasale o complessa a singolo vaso provenienti da 24 Centri sono stati randomizzati a intervento coronarico percutaneo con posizionamento di stent ( ReoPro di routine ) o a bypass coronarico.

I confronti primari hanno utilizzato il metodo di non-inferiorità.

In principio sono stati utilizzati stent metallici nudi, ma si è passati a stent Cypher ( stent medicato con Sirolimus ) non appena disponibili.

A 1 anno di follow-up, il tasso composito di morte, infarto miocardico e ictus è stato pari a 10.5% nel gruppo bypass e 13.0% nel gruppo intervento coronarico percutaneo ( hazard ratio [ HR ]: 1.25; p=0.39 ), i tassi di mortalità per tutte le cause sono stati 3.2% e 3.2%, e quelli di mortalità, infarto miocardico, ictus o rivascolarizzazione ripetuta sono stati 11.3% e 19.3% ( HR=1.77; p=0.02 ), rispettivamente.

Quando i pazienti sottoposti a bypass coronarico sono stati confrontati con un sottogruppo di pazienti con stent Cypher ( 69% dei pazienti ), i tassi di esito primario sono stati 12.4% e 11.6% ( HR=0.93; p=0.82 ), rispettivamente.

In conclusione, lo studio CARDia ( Coronary Artery Revascularization in Diabetes ) è il primo studio randomizzato di rivascolarizzazione coronarica in pazienti diabetici, ma i risultati a 1 anno non hanno dimostrato la non-inferiorità della procedura PCI rispetto a bypass coronarico.
Tuttavia, lo studio ha mostrato che l'intervento coronarico percutaneo multivasale è possibile in pazienti con diabete mellito, ma è necessario un follow-up a lungo termine e dati da altri studi per definire l'efficacia di queste due strategie di rivascolarizzazione. ( Xagena News )

Fonte: Journal of American College of Cardiology, 2010